L’intervento alla Chirurgia Plastica risulta il miglior alleato dell’oncologia in caso di ricostruzioni di parti anatomiche asportate a causa di tumori e/o neoplasie. La decisione di effettuare un intervento di chirurgia plastica gioca un ruolo fondamentale soprattutto per il miglioramento della qualità della vita dei pazienti affetti da tumore. Difatti, grazie alla ricerca scientifica ed alle tecniche chirurgiche più all’avanguardia, è oggi fermamente possibile associare la chirurgia plastica ricostruttiva alla oncologia.

L’introduzione di numerose protesi bio-derivate e sintetiche ha reso possibile l’esecuzione di interventi di ricostruzione una volta assolutamente impensabili, come quelli del distretto maxillo facciale, del distretto mammario e tanti altri.

L’oncologia chirurgica ricostruttiva, negli ultimi venti anni, ha avuto uno sviluppo esponenziale. In questo caso, lo scopo principale della chirurgia plastica ricostruttiva è quello di rendere meno traumatico l’esito di un intervento chirurgico di oncologia, un intervento più che delicato che accoglie non solo gli aspetti psicologici dei pazienti, ma anche la loro sfera estetica. L’oncologia, dunque, abbraccia l’ambito psicologico del paziente senza trascurare l’attenzione al fattore estetico, dove per fattore estetico si intende il recupero del paziente della sua dignità, ferita da una diagnosi di oncologia.

Negli anni, l’approccio terapeutico per i pazienti di oncologia è cambiato radicalmente, in quanto viene strutturato in un lavoro d’equipe composto da tutte le figure specialistiche che abbracciano quel determinato ambito, che si occuperanno del paziente in tutte le fasi, dalla diagnosi all’intervento e dal postoperatorio alle cure. Gli interventi un tempo inoperabili, oggi sono resi possibili grazie alle nuove tecniche riparative che permettono un ripristino non solo funzionale, ma anche estetico della regione anatomica interessata.

Affidarsi ad un medico specializzato in oncologia chirurgica ricostruttiva permette, al paziente affetto da tumore, di vivere più serenamente un postoperatorio generalmente sofferto che prima non teneva conto del fattore estetico, divenuto oggi fondamentale per un lieto benessere psicofisico.

Vuoi saperne di più? Contattaci!


Inserisci i caratteri nel campo sottostante
captcha