La bellezza non deve essere un privilegio per pochi, ma un’opportunità a portata di tutti. È da questa considerazione che nasce il Centro di Chirurgia Plastica del Dott. Pierluigi Canta. Di qui, sulla scia di una filosofia e di una deontologia alta, al servizio della bellezza e del diritto a sentirsi in armonia con se stessi e con gli altri, si è sviluppata, all’insegna della ricerca scientifica più avanzata e dell’utilizzo delle più evoluto tecniche e tecnologie della chirurgia, la sua attività.

studio

Un obiettivo d’eccellenza, questo, raggiunto grazie ad una innata passione che l’ha visto protagonista di numerosissimi corsi e congressi internazionali, nonché lunghi soggiorni studio in Sudamerica, patria dei cultori della bellezza del corpo. Quasi, insomma, ai confini tra la scienza e l’arte. Ed è proprio questo sodalizio che ha consentito la nascita di tecniche innovative per il corpo che, sfruttando le leggi della fisica e le più avanzate tecniche chirurgiche mininvasive, la realizzazione di veri e propri miracoli estetici. Dai nomi spesso incomprensibili, come nel caso della “Mastopessi con Auto Protesi” (perché in realtà non viene impiantata alcuna protesi), ma dai risultati straordinari come, del resto, ben hanno potuto apprezzare quante si sono sottoposte al rimodellamento del seno. Che, quasi come d’incanto, orientandosi verso l’alto, può ora dire addio al reggiseno.

Ed anche laddove la protesi c’è, perché deve esserci, nessun timore. E soprattutto, nessuna cicatrice visibile: grazie ad una microtelecamera, un sofisticato apparecchio video dalla proporzioni millimetriche, l’intervento viene praticato dalla sezione ascellare attraverso un’incisione ridottissima eseguita senza modificare l’inserzione del muscolo pettorale. Un intervento dal risultato straordinario, questo, tra i più richiesti dalle indossatrici e dalle modelle.

Al top, poi il Lifting Endoscopico del volto, eseguito senza produrre alcuna cicatrice visibile, riposizionando volumetricamente occhi,  sopracciglia, zigomi e guance, per ridare al volto espressività, comunicatività, naturale bellezza. Cicatrici invisibili, praticamente impercettibili, celate con sorprendente abilità all’interno dei capelli.

Un addio dunque a quei “visi tirati”, frutto di vecchie tecniche tradizionali ora in soffitta per lasciare spazio alla chirurgia “leggera”, ideale, peraltro, anche per i pazienti e le pazienti più giovani generalmente molto attente al risultato, alla sua “naturalezza”.

Ma non solo. Saltando dalla Chirurgia Estetica all’impegno nella ricerca e nell’innovazione in Chirurgia Plastica, Luigi Canta, spesso consultato per complessi o allorchè altri hanno già fallito, è riuscito ad ottenere risultati più che brillanti nell’utilizzo delle cellule di derivazione adiposa. Cellule prelevate attraverso tecniche di miniliposuzione, impiegate per la rigenerazione dei tessuti cutanei. Tessuti, intanto che possono avvalersi, soprattutto quelli del volto, dell’esperto utilizzo di fattori di crescita di derivazione piastrinica autologa (dunque, senza alcuna possibilità di rigetto) per una più intensa bioauto-stimolazione della pelle.

Un rapporto, dunque, con la medicina e la chirurgia estetica e ricostruttiva, attivo e vivace, consono al suo carattere gioviale nel privato e pragmatico nella professione. Rassicurante come pochi, generoso nel fornire con estrema chiarezza tutti i dettagli tecnici e non solo del suo lavoro, forte di una brillante specializzazione in Chirurgia Plastica e dell’appartenenza alla Sicpre (la più autorevole Società Scientifica di Chirurgia Plastica Nazionale), Pierluigi Canta può iscriversi dunque di diritto negli scranni più alti della florida Scuola Partenopea di Chirurgia.

 

articolo Canta (Tratto dal Mediterranean Plastic Surgery)  

Vuoi saperne di più? Contattaci!


Inserisci i caratteri nel campo sottostante
captcha

Lascia una risposta

*

Be sure to include your first and last name.

If you don't have one, no problem! Just leave this blank.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>